Skip to main content

Verdure: ATTENZIONE!

Giustamente qualcuno mi ricorda che se si hanno patologie gastrointestinali può essere controindicato assumere verdure. Certo, se, per esempio,  abbiamo problemi di diverticoli il discorso cambia. Le regole generali sono generali. Per questo esistono i medici! Comunque si può poi ovviare con probiotici e vitamine o frullando le verdure

Continua a leggere

Quale verdura mangiare?

  State preparando la verdura per cena? Ricordate che dal punto di vista nutrizionale antinfiammatorio, patate e legumi non rientrano nella verdura bensì nei carboidrati. Evitate, se possibile, anche solanacee (pomodori, melanzane, peperoni, patate) e crucifere (tutti i tipi di cavolo) perchè ci apportano istamina, sostanza che contrasta il sonno riposante. Perchè è utile mangiare sempre la verdura a pranzo e a cena? Perchè ha un effetto alcalinizzante, grazie al potassio e al citrato che contiene. Però, ci sono verdure meno alcalinizzanti di altre e quindi da preferire meno. Quali?...

Dottoressa Carla Lendaro, Nutrizione clinica, Psiconeuroimmunologia

Continua a leggere

Agire sul nervo vago?

Agire terapeuticamente con lo stile di vita sul nervo vago consente di: aumentare e migliorare la risposta immunitaria contro i virus diminuire la percezione del dolore, soprattutto cronico avere un sonno riposante e  addormentarsi  prima e meglio digerire efficacemente affrontare meglio gli stressor e di ammalarsi più raramente e meno Ma come si agisce sul nervo vago? Per esempio, con esercizi di biofeedback respiratorio. Respirazione lenta e profonda sotto guida medica. Ora anche da remoto, con apposita applicazione e un sensore posizionato sul lobo dell'orecchio. I risultati...

Dottoressa Carla Lendaro, Psiconeuroimmunologia, Riabilitazione risonanza cardiorespiratoria con PPG

Continua a leggere

Conoscete il nervo "vagabondo"?

Il nervo vago fa parte del sistema parasimpatico, che a sua volta fa parte del sistema nervoso autonomo, quello che va da solo, quello che noi non possiamo comandare volontariamente. È un nervo responsabile di tante azioni: modula la digestione, l'attività cardiaca, quindi pressione e anche ritmo cardiaco, e la respirazione. Modula anche la risposta immunitaria in senso positivo. E’ importante per la nostra salute mantenere un buon tono vagale e mantenerlo sempre, anche quando invecchiamo o meglio, diventiamo “adulti longevi”. Perchè si chiama nervo vago? Vago, da vagabondo perché è il nervo...

Psiconeuroimmunologia

Continua a leggere

Metodi di cottura

Per le persone molto infiammate🔥, è meglio evitare cotture che sviluppano sostanze che si chiamano AGEs. Gli AGEs si creano nelle cotture ad alta temperatura e provocano invecchiamento cellulare, alterazioni metaboliche e maggiore suscettibilità a malattie, soprattutto degenerative. Le cotture che più li sviluppano sono: frittura, rosolatura, cotture in cui si usano forno, grill, griglia. Le migliori sono: a vapore, in padella con liquidi senza rosolare (stufati), in pentola a pressione, cotture sotto vuoto a bassa temperatura con rooner. ATTENZIONE❗ Queste indicazioni valgono per l'alimentazione...

Dottoressa Carla Lendaro, Nutrizione clinica

Continua a leggere

Noopedia: pensare positivo come terapia

Vi è mai capitato, per strada, di camminare e sentirvi osservati😳, poi vi girate e magari vi sta seguendo un amico che non pensavate di incontrare? L’amico vi dirà: ti seguivo da un po'… Ma come mai lo avete “sentito”? Bene, sappiate che noi emettiamo e percepiamo onde elettromagnetiche. Magia? No, fisiologia! Pensate a elettrocardiogramma o a elettroencefalogramma: registrano l’attività elettrica del cuore e del cervello, rispettivamente. Noi generiamo onde elettriche (campi elettrici alternati) e quindi anche campi magnetici: funzionano abbinati, un campo perpendicolare all’altro, e uno genera...

Continua a leggere

Come curare l'ansia respirando?

Respiriamo bene per avere umore positivo! Lo sapete che il nostro umore è spesso correlato al modo in cui respiriamo? Pensateci🤔! Se siamo ansiosi, abbiamo un respiro più accelerato e superficiale perchè usiamo i muscoli accessori per la respirazione e non quelli principali. La respirazione da addominale diventa toracica alta, cioè non muoviamo più la pancia (guardate come fanno i bambini piccoli mentre dormono) e invece vanno su e giù torace e spalle. Vale anche il contrario: se respiriamo per tanto tempo in quest’ultimo modo che vi ho descritto (modalità toracica alta), generiamo uno stato...

Continua a leggere

Prepariamoci per un ottimo sonno

Stasera, dopo cena, evitate rumori forti, illuminazione eccessiva, le lucine dei led rossi, i dispositivi retroilluminati  come il computer o il telefonino. Tutte le luci con questa frequenza d'onda eccitano il sistema nervoso simpatico (quello che ci tiene svegli di giorno) e ci impediscono di rilassarci e attivare il parasimpatico, quello del sonno, della rigenerazione cellulare e del recupero di energia. Insomma,  è come se non ci ricarissimo e poi domani come si fa ad iniziare vispi la giornata? Guardate un bel film, leggete un libro, fatevi una bella chiacchierata con amici ma...al...

Continua a leggere

La giornata dell'abbraccio

Il 21 gennaio si celebra la giornata dell'abbraccio: bello, soprattutto dopo il distanziamento fisico a causa del malefico virus! Ora vi comunico un motivo in più per abbracciarsi. Si invecchia meglio se i telomeri dei cromosomi sono più lunghi (le parti finali dei filamenti di DNA che servono a non farli "sfilacciare") perchè se sono più lunghi durano di più, considerando che col tempo inevitabilmente si accorciano e così il DNA funziona peggio. Bene, la bella notizia è che chi ha sostegno sociale e familiare, affetti e amicizie, e quindi più manifestazioni anche fisiche di amore e cura,...

Dottoressa Carla Lendaro

Continua a leggere

Respirazione, mani e piedi freddi, ansia, ipertensione e aumento di grasso!

Tornando alla ossigenazione dei tessuti, avete capito le conseguenze dell’overbreathing? Faccio alcuni esempi. Se respiro male e ho overbreathing, espiro troppa anidride carbonica e quindi l’ossigeno resta legato ai globuli rossi e non va nei tessuti, i tessuti soffrono, si genera vasocostrizione dei capillari (si stringono) e la conseguenza immediata sono mani e piedi freddi mentre quella a lungo termine può essere l’aumento della pressione arteriosa (infatti, per curarla, si usano spesso farmaci antipertensivi che agiscono come vasodilatatori). La scarsa ossigenazione dei tessuti può anche...

Continua a leggere